Seleziona una pagina

Quanto durerà il governo? Qual è l’obiettivo di Renzi? Salvini vincerà tra due mesi anche in Emilia Romagna? Nell’intorno di tempo (60 giorni) che va dal 5 settembre, entrata in carica del Conte II, ad oggi, sembra che il piccolo mondo usato della politica nazionale stia facendo una specie di giravolta carpiata, “con una dannata voglia di fare un tuffo giù”; Ma che succede?

È solo il respiro affannato di qualche attore in piena astinenza da apparizione televisiva, che adesso rischia però la letale overdose, oppure c’è qualcosa di più? Intanto ci sarebbe un canone condiviso dai nuovi sodali di governo che sembra essere la regola del conflitto: la cosa rara, infatti, in questa alleanza è la concordia, la difesa del deciso, la condivisione pubblica del programma, e gli ultimi fuochi sulla legge di stabilità lo dichiarano “plasticamente”.
Ma che ci stanno a fare? I vecchi vertici – caminetti –
tavole rotonde e patto della crostata, tramandatici dalle magmatiche prime e seconde repubbliche sembrano delle agapi di anime sante ispirate da frati francescani e celebrate nella mistica della Basilica Inferiore. Insomma è come se la campagna elettorale fosse continua e, all’interno del racconto pro sé, ognuno si scegliesse un nemico su cui far convergere gli strali mediatici: Conte elegge Salvini e Renzi, Renzi sceglie Conte, Di Maio si conserva sul volto una eloquente sprezzatura contro tutti, non si sa mai. Sembra che a difendere il governo siano rimasti gli uscieri e i porta trolley.
Ma che ci stanno a fare?
È la Terza Repubblica, bellezza, e facciamocene una ragione. Com’è andata a finire con Salvini lo sappiamo. Come andrà a finire adesso, tutto va bene, solo se concordono le “super Presidenze” un po’ tutte in scadenza!
E noi? Anche oggi ne riparliamo domani?